APIS India Onlus
Ostello Savio Boys Home

Ostello Savio Boys Home


Parole chiave: , , , , , , , , ,


Beatitudini di Don Bosco – Breve storia

Le Beatitudini di Don Bosco fa parte della catena internazionale delle istituzioni di Don Bosco. Siamo presenti in 136 paesi con circa 1800 istituzioni educative, sociali e professionali. Lavoriamo principalmente con bambini, giovani e giovani adulti.

Da più di 5 decenni, il Centro Sociale Beatitudini Don Bosco di Vyasarpadi è un cortile, una scuola, un asilo nido, una cucina, una casa per gli orfani, un ricovero per i più poveri tra i poveri, un asilo per gli indigenti e anziani, e un hub di emancipazione da cui le donne si lanciano con abilità e coraggio. Dal 1964, questa istituzione nata come semplice casa è diventata un ombrello d’amore che sostiene e tocca la vita di migliaia di poveri tra i poveri. È definita come un’istituzione che provvede ai bisogni dei poveri dal grembo materno alla tomba, e siamo grati alle migliaia di persone di buon cuore che ci hanno aiutato in questo cammino d’amore.
Il nostro motto: “Nessuno ha il diritto di essere felice da solo!”
Rev. padre Orfeo Mantovani – Il nostro Fondatore

Tutto è iniziato con il Rev. padre Orfeo Mantovani, uno zelante sacerdote salesiano italiano che aveva la visione di aiutare i più poveri tra i poveri a Chennai (a quel tempo Madras). La sua visione si è avverata quando l’allora arcivescovo salesiano, Louis Mathias di Madras, Mylapore, gli ha dato il permesso di valutare l’area di Vyasarpadi per fondare una nuova missione. Era commosso dalla povertà della gente e dalla condizione pietosa dei lebbrosi. Dopo aver studiato attentamente il luogo, nel 1964, in occasione della festa dell’Immacolata, acquistò un terreno che fu discarica di ceneri. Ha trasformato questa terra in uno spazio vitale. L’area era sovraffollata con gli slum (baraccopoli) gente abbandonata e derelitta e occupata dagli abitanti dei marciapiedi della città e 20.000 indiani rimpatriati dalla Birmania. L’opera poi chiamata Don Bosco Beatitudes è stata ufficialmente inaugurata il 2 febbraio 1965. Alla fine, i lebbrosi ospitati sono stati trasferiti in una nuova casa in una zona non troppo lontana, chiamata Giardino di Papa Giovanni che dista 8 km dal Centro.

Le Beatitudini di Don Bosco sono state la forza trasformatrice di Vyasarpadi. Ha fatto parte della sua storia sin da quando era una vasta area di baraccopoli con povertà, malattie e criminalità. Le generazioni più anziane ricordano con amore come questa istituzione ha mosso i suoi primi passi come luogo di incontro che serviva formaggio e biscotti per grandi e piccini e incoraggiava anche il loro talento calcistico!

Il piccolo alberello che padre Orfeo Mantovani piantato e nutrito tra il 1964-1965 è cresciuto fino a diventare un albero possente, ora chiamato ‘The Beatitudini Social Welfare Centre’ (BSWC) e fornisce cibo, alloggio, istruzione, formazione, opportunità di lavoro, intrattenimento, strutture sportive e il dono di fede ai bambini orfani e semi-orfani, ai minori, ai giovani e agli adulti poveri e disoccupati, alle donne con condizioni economiche precarie, agli abitanti delle baraccopoli indigenti e agli anziani abbandonati. È anche una parrocchia, un cortile per i giochi, una scuola e soprattutto una casa per chi ha più bisogno, realizzando così completamente il sogno di Don Bosco.

PROGETTO

I ragazzi del Gruppo Savio Junior stanno in un altro edificio nello stesso campus. Una suora SMA e una laica (la signora Barathi) si prendono cura di questi bambini di età tra i 4 e gli 11 anni che da qui passano al collegio Savio Senior. Circa 20-25 ragazzi si trovano in questa casa. Sono tutti orfane, semi orfani (o da madri sole) oppure provenienti da famiglie difficili. L’edificio in cui alloggiavano doveva essere abbandonato a causa dei danni all’edificio e non era sicuro tenerci dentro i ragazzi. Li abbiamo per questo spostati temporaneamente in un altro edificio nel campus adiacente. Ora dobbiamo però ristrutturare un edificio e trasformarlo in un ostello dove possono soggiornare. Per il refettorio invece si uniranno ai ragazzi più anziani. Questo sarà utilizzato solo per il loro soggiorno e studio. Il progetto attuale Ostello per i Bambini.

Abbiamo tre case per i nostri ragazzi orfani e abbandonati: una per le ragazze (Nirmala Girls Home), una per i ragazzi più grandi (Dominic Savio Boys Home) e una per i bambini più piccoli (dai 4 agli 11 anni), la Savio Junio Boys. La casa dei bambini più piccoli è gravemente danneggiata e dobbiamo trasferire immediatamente i bambini in un luogo per loro sicuro; attualmente essi risiedono nel Blocco Rua, fuori dal nostro campus (vicino alla scuola elementare), ma secondo le leggi del governo devono essere riportati all’interno del campus principale.

Al momento non abbiamo fondi sufficienti per costruire un nuovo ostello, ma stiamo riconvertendo un altro edificio in una casa di accoglienza per loro. In precedenza questo era utilizzato per il programma per lo sviluppo delle donne, ma ora li abbiamo trasferiti in un altro edificio. Poiché stiamo spostando l’ostello dei bambini in questo luogo, dobbiamo convertire le zone esistenti e creare un spazio che sarà utilizzato come dormitorio per far dormire i bambini, poi un ripostiglio e anche una sala studio. Abbiamo anche bisogno di più servizi igienici e aree doccia. Il refettorio sarà condiviso con i ragazzi più anziani. Ci sarà anche una stanza per un custode che starà sempre con loro.

  • Il costo totale del progetto in rupie – Rs. 655.000 (€ 7654 euro al 22/12/21)
  • Contributo locale – Rp. 55.000
  • Contributo dell’APIS – Rs. 600.000
  • Il costo totale in euro – € 7142 (al tasso di cambio di Rs. 84) (€ 7.011 euro al 22/12/21 Rp 85,59)

Fine lavori

Galleria

Foto prima della ristrutturazione

Foto dopo la ristrutturazione

Video dell’Ostello dopo la ristrutturazione