Centro di sartoria di Devaryaneri

Vi informiamo con gioia che l’Apis è riuscita a raccogliere la somma di 2.500 euro attraverso alcune donazioni e piccoli mercatini di Natale.
Tali fondi saranno a breve versati per completare il progetto della macchina da cucire a favore delle zingare della comunità Devaryaneri. Il centro di produzione ha l’obiettivo di generare reddito per 30 donne zingare che sono state formate nel centro di formazione professionale delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

Siamo certi che questo piccolo ma importante progetto possa cominciare a costruire un 2021 di rinascita per le nostre sorelle emarginate di Devaryaneri.

Per ulteriori dettagli sui progetti APIS visitate la sezione Progetti del nostro sito web.

Buon Natale e Felice 2021!



Cari Amici dell’Apis,

questo è stato un Natale diverso dagli altri: difficile, senza abbracci, pieno di piccole e grandi paure ma è proprio in questa grotta buia che il piccolo Gesù, come ogni anno, nasce per portarci pace e dirci che, sebbene la vita sia così complicata e la notte sembri avvolgerci, Lui nasce proprio in questo luogo.

In questi ultimi mesi ci siamo sentiti tutti più poveri ma anche molto più uniti e, seppur nella evidente precarietà, non ci siamo dimenticati di chi è nel bisogno.

Si conclude un altro anno in cui l’Associazione è riuscita a fare molto per tanti bambini e per tante persone bisognose. L’India non è stata mai così vicina!

Nel 2020 abbiamo avuto il regalo di un nuovo Consiglio Direttivo Apis,  mai così numeroso, con volti nuovi e tanto entusiasmo.

Grazie a queste nuove forze siamo sicuri di poter offrire una carezza in più ad una terra così cara ai nostri cuori.
 
Con la speranza che il Bambino Gesù sarà accolto in un caldo abbraccio, attendiamo con fiducia il 2021 con l’augurio che porti nuovi doni e buone novità.
  A nome mio e di tutti i membri del Comitato, vi auguriamo un Buon Natale e un prospero Anno Nuovo!

Federica Annibali (Presidente)
Vincenzo Brasca (Vice Presidente)
Isabella Rimmaudo
Giuliana Bruschi
Mara Gostinicchi
Agata Petruccelli
Maurizio di Cecca
Enrico Maria Fondi
Liana Canichella
 

FACCIAMO IL PUNTO

FACCIAMO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

La nostra piccola realtà (con tutte le sue “apine” sempre in movimento) si prodiga come può, per dare aiuto e sostegno a chi è meno fortunato (in particolare) con lo specifico carisma che rivolge l’attenzione ai paesi poveri dell’India del Sud.

Provare a fare il punto a quasi 24 anni dalla costituzione dell’Associazione, nata dall’amore profuso in essa dei soci fondatori, non costituisce un modo per fare auto-celebrazione ma, evidentemente, un dovere di riconoscenza a chi con una lungimirante intuizione, ha saputo creare una realtà “di bene”, per “il bene”.

Anno dopo anno l’Associazione è riuscita, non senza difficoltà, a fare fronte ai progetti sui quali molte persone hanno confidato, nell’aspettativa di quella concretezza per una vita più dignitosa.

Da un semplice recinto per contenere e custodire delle pecore (fonte di sostentamento primaria in alcuni villaggi) a pozzi per portare acqua lì, dove il sole fa sentire veramente tanto la sua presenza per svariasti mesi, in territori secchi e aridi.

Da una cucina nuova, dove c’era solo un timido focolare a servizio di centinaia di bambini orfani, ad una vera e propria scuola, in paesi dove l’istruzione (anche di base) è un privilegio per pochi.

La Nostra piccola realtà associativa, ogni qualvolta è riuscita a realizzare un’opera, ha considerato quel momento, non come la fine dello stesso, ma come l’inizio di qualcos’altro, senza una meta da raggiungere ne un traguardo da superare.

A dire il vero, le sfide di volta in volta da affrontare, ci hanno fornito il giusto timore, non quello che ti blocca e ti irrigidisce, ma quello che ti sprona a fare meglio e di più.

Volgendo lo sguardo indietro, per un solo istante, possiamo con gioia osservare il cammino percorso verificando come, di strada ne è stata fatta tanta, grazie al generoso contributo dei soci che da anni ci supportano e, di tutte le persone che hanno “incrociato” in modo più o meno duraturo il nostro percorso (da coloro che hanno acquistato anche solo una volta un oggetto presso un nostro mercatino a coloro che continuano a sostenerci costantemente in vario modo (con donazioni, 5X1000, ecc.) ovvero aiutandoci a mantenere elevato il numero dei bambini sostenuti a distanza.

Facendo quindi un opera di verifica dei libri contabili e verbali di assemblee passate, con profonda emozione riportiamo l’elenco dei numerosi progetti e sostegni realizzati in quasi 24 anni di attività.

Il nostro amato ultimo presidente Domenico Catarinella, socio fondatore assieme alla moglie Antoinette Catarinella Pasquer, riferiva orgogliosamente che l’Apis aveva finanziato progetti per circa un milione di euro.

Quest’opera certosina di ricerca, computo e verifica, nasce da questa “provocazione”, affettivamente a loro DOVUTA…

Per il vero, è possibile che lo stesso elenco non sia esaustivo di tutte le opere realizzate ma, è assolutamente sufficiente a darci il coraggio e la forza per andare avanti, sicuri di percorrere una via (chiaramente) benedetta dall’alto, considerando peraltro, come noto a tutti i soci, che la nostra piccola associazione non ha mai investito in pubblicità o in altre forme di promozione al di fuori del “passa parola” raggiungendo comunque una cifra così ragguardevole che, confermando le indicazioni in vita già dichiarate da Domenico, addirittura le supera, attestandoci oggi, all’importo di € 1.315.961,00.

GRAZIE A TUTTI !

     

Il nuovo Notiziario APIS è online!

Notiziario2020

E’finalmente uscito, fresco di stampa, il nuovo Notiziario APIS n.17  “La nostra India” dove troverete tante informazioni e immagini riguardanti i progetti realizzati dal 2018 fino a febbraio 2020 e tante immagini dei bambini e dei sopralluoghi effettuati nel corso dell’ultimo viaggio in Tamil Nadu (febbraio 2019). Lo riceverete presto a casa ma se non riuscite ad aspettare, “sfogliatelo” online dal nostro sito. Buona letttura!

Progetto scuola a Dindigul

Prosegue la realizzazione del progetto per la scuola serale a Dindigul. Proprio nei giorni scorsi abbiamo ricevuto le foto della costruzione che, come si può notare, sta prendendo sempre più forma. Le foto, in particolare, riguardano la messa in posa della porta di accesso e una piccola celebrazione di ringraziamento da parte dei padri e suore FMA. È necessario, quindi, concentrarsi sul found raising, per terminare l’edificiodi Dindigul che diventerà la Scuola Pomeridiana per i bambini da noi sponsorizzati e serale  le loro mamme in cerca di occupazione.

Auspicando di poter andare in India il prossimo anno per la sua inaugurazione!

Cucina per gli anziani abbandonati di Saint Thomas Home

Cari amici, il 3 novembre scorso abbiamo avuto l’opportunità d’incontrare a Roma il direttore del centro Don Bosco Beatitudes di Vyasarpadi (Chennai), Padre Joe Andrew. Lui ci ha portato un ringraziamento speciale da parte degli anziani abbandonati Saint Thomas Home al termine della realizzare della una nuova cucina e dell’impianto di acqua potabile. L’Apis dalla prima visita alla struttura (7 febbraio 2019) è riuscita a raccogliere il denaro necessario per restaurare completamente la cucina sia nella parte interna (fuochi, dispensa e risiere, piastrellatura e imbiancatura, sostituzione finestre) sia nella parte esterna. Oltre al nuovo impianto di purificazioni RO ad osmosi inversa, la cifra versata è stata sufficiente all’acquisto di  una particolare piano da cucina per preparare la colazione per gli anziani ospiti: chapati e dosai, pani speciali di grano e riso. Una vera golosità che abbiamo potuto provare… sul posto!

Cucina ante intervento di ristrutturazione

Incontro bambini del Carlo Lona di Trieste: lunedì 10 giugno

Il giorno lunedì 10 giugno 2019 in prossimità della chiusura della scuola per le ferie estive i bambini del Carlo Lona di Trieste e le loro insegnanti hanno organizzato una giornata Apis nella quale sono state consegnate alla presidente dell’associazione Apis i 300 euro raccolti dai bambini nel corso del mercatino di fine anno. Erano stati preparati sacchettini di tea e chupa chups a forma di fiore per “Api davvero speciali”, che sono state proposte ai genitori in cambio di una piccola offerta.

Alla consegna della busta è seguita la consegna di un bellissimo disegno che rappresentava il Progetto al quale i bambini avevano scelto di aderire: il recinto delle Caprette da costruire per le 25 mamme della area di alcuni villaggi attorno a Tiruchy che volevano lasciare con sicurezza le loro caprette per seguire i corsi serali per sartoria e computer utili per poter accedere ai finanziamenti per il microcredito e migliorare così la vita familiare. In ricordo di questa adesione mi è stato consegnato un bellissimo disegno realizzato con carta colorata e piccole pecorelle in un prato, protette da un recinto fatto con rametti.

Tutti i bambini hanno poi cantato delle canzoni e omaggiato con un discorso da parte del presidente della Cooperativa dei Mosaici Colorati, sottolineando la amicizia e la collaborazione che dal 2010 esiste tra la scuola e l’Apis. La giornata si è prestata anche alla visone classe per classe del video “India see you soon” e a un vivace dibattito con i bambini sulla realtà e le bellezze dell’India  

UNA SCUOLA SERALE PER I BAMBINI E LE MAMME DI DINDINGUL

Il 13 di giugno 2019 è stata posta la prima pietra, anzi i primi mattoncini, della costruzione del nuovo edificio ARCEE (CONSTRUCTION OF AUXILIUM RURAL CENTER FOR EDUCATION AND EMPLOYABILITY ENHANCEMENT (ARCEEE) FOR WOMEN AND CHILDREN, KONDASAMUDRAPATTI, TAMIL NADU) per la costruzione di un centro pomeridiano per i nostri bambini sponsorizzati di Dindigul e tanti altri bambini che frequentano le scuole pomeridiane di Sister Bernardine Lazar e Sister Arokia Jebamani. Di pomeriggio gioco e compiti quindi, di sera corsi serali per le donne e ragazze alla ricerca di prima occupazione o di incrementare con qualche guadagno extra, il magro reddito familiare.

Riportiamo di seguito, il testo della mail della suora responsabile del Progetto con le foto della cerimonia indù/cristiano che vede la benedizione dei mattoncini e messa in posa degli stessi. La cerimonia indù prevede l’offerta di frutta (banane, mele e noci di cocco), fiori e la messa in posa di una fronda di albero. Alla cerimonia erano presenti la Ispettrice di Tiruchy e le suore salesiane (in sari rosa pesca), le insegnanti e i costruttori (in doti bianco lungo). Per il progetto sono stati versati dall’Apis 15.000 euro. Il costo totale del progetto è di 55.000 euro.

Dear Federica Annibali. Thank you very much for selecting one more girl. Thank you for your generosity and sacrifice. God bless all the sponsors of Apis. Here I am to say a good news that with God’s grace we laid the foundation stone for Vocational Training Centre in Ulagampatti, Dindigul on 13th June 2019. I have sent potos. With your great help within short time we will complete the work. Thanking one and all.

Sr. Arockia Jebamani“.

Animator of Ulagampatti Convent

In aggiunta qualche foto sul centro pomeridiano per i bambini utilizzato fino ad ora per coloro che non hanno luce elettrica e possibilità di studiare in casa. I corsi per sartoria e computer sono già iniziati provvisoriamente nell’Istituto delle FMA di Dindigul nel pollaio ristrutturato e nell’atrio del piccolo convento delle suore.

Chiunque voglia contribuire al progetto “Costruzione del Centro Rurale Auxilium per il miglioramento delle condizioni educative e di impiego  per donne e bambini (ARCEEE)” può farlo liberamente e scaricare nella prossima denuncia dei redditi il 26% della cifra versata

Grazie, “Nandri” in lingua tamil

UNA CUCINA NUOVA PER GLI ANZIANI ABBANDONATI DELLA SAINT THOMAS DESTITUTE AGED HOME DI VYASARPADI (CHENNAI)

L’Apis ha appena assunto l’impegno di raccogliere, entro dicembre 2019, la cifra di 6.500 euro per finanziare il Progetto per la ricostruzione della cucina e realizzare un impianto di depurazione per l’acqua per gli 80 anziani anziani abbandonati del “Saint Thomas Destitute and Aged Home” del Don Bosco Beatitudes di Chennai.

Grazie di cuore a tutti quelli che vorranno collaborare economicamente alla realizzazione di questo progetto!

Prima raccolta fondi, sabato 1 e domenica 2 giugno 2019 presso la chiesa di Santa Lucia, in viale Papa Pio XII, civico 4 a Palestrina (Rm). Un gruppo Apis sarà presente per la vendita di prodotti di artigianato indiano (spezie, sete, gioielli e artigianato) proveniente dal Tamil Nadu.